More & More

image

Fitness test at the Swiss Olympic Medical Center / Schuthess Clinic in Zurich.  In about one month the high altitude photo-shooting projects start and It’s time to check the fitness level.
It’s never enough, at least that’s what it feels. The outcome of the test was motivating but cruel too. I’m fit..ok I feel that myself, but how much and do I train the right way.
The heart range during the training was too high, this happens very easily, you skip a training session and the next one you push a bit harder to compensate and that’s a way to loose efficiency, that’s what I learned today.
From now on every second day 30 – 60 min jogging at a lower heart rate (125 – 135) and then once per week a ski tour to prepare the  body for the long and hard ascents in case we can’t use the chopper.

Summary:
Reduce the heart race but increase the training volume, let’s see if it works. Mid April onwards I will feel it. At least I lost 4 Kg since January, this is less weight to carry up on the mountains.

And you, how is your training going?

Up in the sky

77 Bombay Street, “Up in the sky” this is one of the songs which I will always keep in mind for the 2013 summer, same for the shooting of last week.
At the heliport near Saint-Tropez after the normal preparation for an aerial shooting such as removing the seats, fixing the harness etc. we took off, the legs out in the fresh air under the rotor and Gilles sitting next to me, he is just back from the cup in San Francisco. A quick photo from us to document this moment and we are already high up over the bay from Saint-Tropez. The bay is almost white so many boats are out there. We are heading to the “other side” the beaches area with the legendary Club 55 the race course of Wally’s and the J Class yachts. My legs are a bit freezing and I’m going again trough my camera settings again, once we are on the spot all goes very fast.

Below my feet’s I can see the beach and the clubs and here are the big boats. From up here they look like normal sailing boats, a main sail a Jib and Spinnaker noting special but when you see the size of the crew you get a feeling how big this boats are.
Every time I’m up in the air I feel this freedom to move around fast, you talk to the pilot with the headset and you just go. I also feel a pressure you want..no you must do great shots now..the airtime is quite expensive. We look each other and smile it’s an great moment..the light is perfect the waves are there:  “la vertical la”  we say to the pilot via the headset and we are right on the top of a big wally yacht as they are dropping their massive spinnaker. I start to make on amazing photo after the other, it’s like being in a flow, you cant stop it it just comes, we move to the next boat, I even don’t feel .the cold air on my legs….and here is the song, “up in the sky you are just fine” ….enjoy the photos.

Xie Xie China

Xie Xie in mandarino significa grazie e si pronuncia “cie cie”, hanno dato tutto quello che potevano per trasformare queste Olimpiadi in una bella festa. Non per parlarne della cerimonia di chiusura che no ho vissuto in prima persona.

Sono sul viaggio di ritorno e mi sono fermato 2 giorni a Shanghai per vedere un po di China al di fuori dal villaggio Olimpico e di Qingdao. Sfortunatamente piove fortemente e cosi sono in albergo e scrivo un po.

Gli ultimi giorni a Qingdao erano particolarmente intensi, incominciando con la medal race di Flavio ed Enrico sulla Star: buona partenza, terzi alla boa di bolina, “ultimi” alla boa di poppa ed un recupero da eroi nella prossima bolina fino al secondo posto e poi finire sul scondo posto. La medaglia non ci e stata, gli punti persi nelle prime prove pesavano troppo pero bella prestazione. Bravi!!!

Il giorno della partenza da Qingdao era anche un po particolare. Dopo che gli Chinesi del centro stampa hanno scoperto che il mio volo era solo alle 23.00 non cera mezzo per evitare la cerminonia di chiusura di Qingdao, non so come mai ma dovevo scattare delle foto a tutti costi. Non mi dispiaceva perché gli unici fotografi rimasti era Carlo Borlenghi ed io cosi l’ho fatto assieme a Carlo.
Fino qui tutto bene, hanno organizzato tutta una serie di trasporti per fare in modo che la partenza dallo stadio, caricare le borse in albergo e poi portarmi in aeroporto doveva funzionare alla perfezione. Non fu cosi, l’ultimo trasporto era in ritardo e cosi ho perso la prima volta l’aereo. Per la manager (donna) del centro stampa era un disastro si e scusata in tutti modi possibili e quasi non osava più a guardarmi dalla vergogna. Pero quello che ne e uscito dopo era geniale.

Mi sono trovato in un vero KTV Chinese (Karaoke TV) con un gruppo di volontari del centro stampa e nel fra tempo mi hanno organizzato il nuovo volo, trasporto ed albergo per la notte.
Consequnza ho giocato una specie di indianata Chinese di birra con dei dadi tutta la notte con Chinesi nel KTV dove le ragezza del centro stampa continuavano a cantare in Chinese ed io bere Qingdao birra perche chairmente gli Chinesi erano piu bravi. Ogni tre po caraciavano la canzone “I am sailing I am sailing” per fare cantare pure me.
Per fortuna la nostra costituzione sopporta meglio l’ alcool dei Chinesi cosi ce l’ho fatta a sopravvivere più o meno bene la notte.

Il giorno dopo cioè un paio di ore dopo chiaramente mi hanno accompagnato in aereoporto. Stranamente mi hanno portato dritto all check in della first class, il resto si spiega da solo, peccato che il volo e durato poco meno di 2 ore.

Domani torno a casa per un fine settimana tranquillo perché il lunedì dopo si va a St. Moritz per il match race.

Saluti da Shangahi

Jürg

PS: Qui a Shanghai ho trovato un bar che si chiama “Locarno” ed ha il caffe “Chiocco d’oro” e gli spagetti carbonara sono mica male.

A bit of Chinese life

© Juerg Kaufmann - www.go4image.com
© Juerg Kaufmann - http://www.go4image.com

Since I’m here I kind of missing a bit the real Aisa, for sure Qingdao is quite different that the places I visited recently such as Laos and Burma but even in Singapore I got the real Asia feeling, but not here. So yesterday I got up at 5.30 and went in the old town of Qingdao to see what’s happening there and I found  lot of people practicing tai chi on the sea front.  It’s really impressive to see young and a bit older doing this sport together in the parks early morning and guess what the truly feeling of Asia is back.

After that still very early in the morning the taxi driver brought me up on a hill to observer the city waking up but when I was up there at 7.00 I realized that the hole city is already up (Qingdao supposed to have 8 or 9 million of habitants). As Swiss used to our size of city’s Qingdao looks endless, the city grown around all those hills and in some way it’ looks a bit like Monaco. The skyscrapers are much bigger, the sand darker and here we have at least 6 beaches almost full at 7.00 am in the morning. Maybe this explains why the why the Chinese like Qingdao.

There is another thing I want to write about: all over we can read the Olympic slogan “ One world one dream” on busses, buildings, etc. but there is one thing you don’t get if you have access to this blog, the word “on world” does not really apply for the internet, here we have quite a lot of censorship.

Most of the blog’s are blocked and not accessible from here even so the one you are just reading.

Yesterday I went to the manager of the media center here in Qingdao asking; what’s going on with the blog’s why can’t we access them?

A few minutes later I got at least 3 computer specialist trying to convince me that there must be a wrong setting on my computer and after few nice try comes the “hooooooooooo” typical expression when they don’t know what to say followed by “Sorry Sir cannot” Bottom line of the story It remains blocked but some of the IT guys showed me a way to avoid the Chinese censorship.

That’s probably China today, old traditions like the tai chi, government with strong rules hot very happy with our blog culture, and young smart people who break the rules and finding their way anyway.

Right now we are sitting in the media center, the races are postponed do to lack of wind so it’s a good time to make a selection of my favorite images of the games. Here is the link:
http://www.go4image.com/en/thumbs.php?FolioID=115&ID_menu=smenu21&stat=1

Enjoy
Jürg

Una giornata importante si annuncia qui a Qingdao

Sono le 5.30 di mattina. Il sole doverebbe apparire fra non molto, ma con tutto questo grigio dubito che si veda.
Ogni tanto mi domando con tutti i bei posti al mondo siamo finiti qua a fare le Olimpiadi dove non si capisce se il grigio é smog oppure semplice nebbia.

Va beh, il nostro programma non cambia. Colazione, poi vado al centro stampa a scaricare un pò di foto. Alle 9 mi trovo con Tom Ruegge il capo del team Svizzero: dobbiamo discutere come gestire le eventuali proteste, infatti oltre al mio ruolo di fotografo ufficiale, ho il compito di “rules advisor” per il nostro team.

Alle 11.30 arriva il pulmino che ci porta ai gommoni per uscire sull’acqua. Avete letto bene: il pulmino é una specie di “golf car”, perchè qui oltre a fare un caldo incredibile c’è un’ umidità latissima. Nessuno vuole camminaree pensate a me che devo portarmi in collo 15 Kg di apparecchiature foto sulle spalle.

Il discorso sul gommone é assai divertente. Ieri avevamo un pilota che non parlava una parola di inglese. Inoltre con noi è salito un traduttore che non capisce niente di vela. Risultato: una scenetta da “mission impossible” in cui non ho potuto avvicinarmi al campo per scattare delle belle foto.

I cinesi vanno matti per i formulari. Figuratevi che persino per ricevere il panino a pranzo devo riempire un formulario. Ora potete immaginarvi cosa ho scritto sul “Feedback Form” del driver del gommone.

Oggi vado sul campo dei surf, per a vedere cosa fa il Richi e poi devo scattare anche un po di foto dei greci che sono diventati miei clienti grazie alla Sofia ed ad Andreas (Sofia e la ex. campionessa Olympica di 470)
Chissa che driver e traduttore abbiamo oggi?

Ieri ero sul campo degli Yngling. Sofia come sempre riesce a fare dei recuperi incredibili. Già a Palma nella medal race si era trovata main svantaggio e poi è riuscita ad arrivare tra i primi. Stessa cosa ieri, “go Sofia”

Ora vado a fare colazione. Ammetto sono un pò nervoso

Sorprese cinesi: l’arrivo

Certo che il viaggio per Qingdao è iniziato con un po’ di pregiudizi. Forse anche per quel che ho letto e sentito in questi giorni sui media sulla situazione in Cina e sull’effetto che le Olimpiadi potrebbero avere sul governo.

Al mio arrivo all’aeroporto di Sanghai, tra l’altro  in Business upgrade da mi fermano subito in dogana per la mia borsa foto. E qui mi sono detto: ci siamo. ”Sir you need this form, Sir we havo our rules….Sir you have to waith”. Beh non e una sopresa o mi stavo sbagliando.

L’impiegata della dogana non solo mi ha portato una bevanda fresca e  biscotti ma mi ha anche accompagnato allo  Starbucks (fuori dalla dogana) in attesa che arrivasse il fax necessario per l’importazione temporanea del mio materiale fotografico. Ma non era finita qui. Al check-in successivo, con la mia accreditation card al collo,  mi sono trovato circondato da cinesi che volevano una foto, firme etc….”sorry I’m not famous” gli ho  detta ma non ne volevano sapere.

All’arrivo a Qingdao, come ogni tanto succede, la mia valigia non era sul nastro, ma c’erano  almeno 5 persone che si sono date da fare per rintracciare il mio bagaglio promettendomi che se non l’avessero trovato mi sarebbe stato recapitato il giorno dopo al mio. Insomma qui si stanno dando da fare in tutti i modi per risolvere i problemi e rendere piacevole il nostro soggiorno.

Photoshooting with Pucci

Pucci I is a dream a class of its own, a mix between teak, class, engine and power.
As usual it was early in the morning and on top of it end of February so a bit cold when we left the harbor for the shooting of the so called “gentlemen racer”.
The magazine Swiss Boat Yachting published 5 pages plus the cover of this boat in the April edition.
But look at the images it was worth to get up early in the cold.
You want to see more about Pucci click here.